Come sostituire una vasca da bagno a Bologna

La sostituzione vasca Bologna si può rendere necessaria nel caso in cui si abbia il desiderio di collocare al suo posto un piatto doccia. Per svitare la vasca occorre, prima di tutto, svitare la placca a protezione del foro di troppopieno, in modo tale da rimuoverla; è bene tenere presente che può esservi collegato il sistema di scarico. Una volta che anche questo è stato scollegato, con l’aiuto di un cacciavite e di una chiave apposita si può intervenire anche sulla piletta e sulla flangia. Il set di scarico è raggiungibile tramite un pannello di ispezione, ma si può arrivare all’unità anche da sotto la vasca.

A questo punto l’opera prosegue con l’asportazione del rivestimento dalle pareti attorno alla vasca, considerando un’altezza di non meno di una ventina di centimetri: nel caso in cui in questo raggio siano presenti anche le manopole e il rubinetto, devono essere eliminati anche questi elementi. Per staccare le piastrelle ci si può servire di una spatola, mentre per rimuovere i pannelli di cartongesso può essere più utile un seghetto. Dopodiché ci si può concentrare sulle viti di ancoraggio attraverso le quali la flangia è saldata ai pali portanti del muro. Per incidere il silicone basta utilizzare un taglierino, ma il momento più complicato è quello che prevede di separare il bordo della vasca rispetto alla parete: se se ne ha la possibilità, conviene adoperare addirittura un piede di porco. Dopo che la prima estremità è stata sollevata, si può procedere con la seconda: così la vasca è staccata e può essere rimpiazzata con la doccia o un’altra vasca.

Nel caso in cui non ci si voglia cimentare in questo compito da soli, ovviamente, ci si può rivolgere a un’azienda specializzata nelle opere di sostituzione vasca Bologna, così da avere la certezza che il lavoro possa essere svolto da professionisti del settore.